Palazzo Orsini a Monterotondo…Conosci la storia?

Il Palazzo Orsini rappresenta, fin dai tempi della sua primitiva costruzione, l’elemento emergente dell’immagine urbana di Monterotondo. Le vicende storiche della città sono strettamente collegate a quelle del palazzo Comunale.


Il palazzo Orsini è una delle opere che più colpisce il visitatore di Monterotondo.
Per chi entra dalla “Passeggiata” si presenta subito questo complesso: la sua storia è antica quanto quella della stessa cittadina.

LA COSTRUZIONE
Costruito in epoca medievale, si deve alla famiglia Orsini, ma non si esclude la presenza di un precedente edificio durante la Signoria dei Monaci di S.Paolo…
Leggi qui l’articolo dedicato alla storia di Monterotondo…!

Nel 1286 risulta infatti in un documento che attesta la spartizione fra eredi di un certo Matteo Rosso Orsini.

Il palazzo ha interessanti strutture quattrocentesche dello stile di B. Pontelli, con portico del cortile, androni e portali.

La facciata è in stile romanicobarocco con campanile centrale all’ultimo piano, soluzione decorativa frequente.

Ci sono due ingressi: uno pedonale presso Via Giovagnoli con un grande portale bugnato in travertino e uno in Piazza Marconi. Entrambi immettono nel cortile interno quadrangolare.

Quest’ultimo presenta una voluminosa decorazione barocca, con colonne e altorilievi di grilli, simbolo della famiglia dei Grillo.

Già nel Cinquecento vengono introdotte decorazioni in stile rinascimentale

Ma con i BARBERINI

A partire dal 1626 quando il feudo passa a questa famiglia, il palazzo viene modificato.
Sono di quest’epoca il colonnato e gran parte dei fregi che ancora possiamo ammirare.

Dopo 76 anni il complesso passa ai Marchesi Grillo grazie a Clemente XI.
Non ci sono molti segni di questa casata nel palazzo.

Nel 1890 è acquistato dall’Amministrazione Comunale di Monterotondo.
In quest’epoca già si segnala la completa distruzione degli affreschi, dipinti dalla bottega di Federico Zuccari.
Al primo piano però si possono vedere alcuni affreschi sopravvissuti… leggi qui l’articolo dedicato!


Nel 1915 il Palazzo è fortemente danneggiato per il terremoto di Avezzano, compreso un tratto del coronamento della Torre…

Il restauro delle sale del piano Nobile di Palazzo Orsini-Barberini a  Monterotondo
Torre di Palazzo Orsini, Monterotondo (RM)



In quest’occasione abbiamo un restauro complessivo che si conclude negli anni Trenta.
Nel complesso sono sistemati così gli uffici comunali, ma anche la stazione dei Carabinieri e le scuole.

LA SECONDA GUERRA MONDIALE…
Il 6 giugno 1944 il complesso viene interamente occupato dalle truppe della V Armata Alleata, destinato a sede del Tribunale e del Carcere Militare.
Una volta liberato, il Comune trovò che “mancavano in tutti i numerosi ambienti che lo compongono porte e finestre; inoltre erano stati asportati e distrutti tutti i banchi e il materiale scolastico delle 22 classi”.

Fortunatamente…

In seguito il Palazzo è nuovamente restaurato e oggi si può ancora ammirare con i suoi bellissimi affreschi, valida testimonianza di artisti anche famosi…
Per saperne di più, leggi l’articolo!

PALAZZO ORSINI OGGI
Oggi inoltre all’interno di Palazzo Orsini si può visitare il Museo archeologico e multimediale di Monterotondo che si articola complessivamente in 11 sale: 5 si trovano nelle stanze affrescate di Palazzo Orsini, le altre 6 sono allestite al piano terra della Biblioteca Comunale.


Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci su

IlTerritorio.net


Commenta per primo

Rispondi