Monterotondo: perché si chiama Piazza del Popolo?

Piazza Monterotondo leoni

Forse la piazza più famosa di Monterotondo, in provincia di Roma: la Piazza dei Leoni, o Piazza del Popolo. Sapevi perché viene chiamata così?


LA PIAZZA DEI LEONI O PIAZZA DEL POPOLO DI MONTEROTONDO
Si trova nella parte antica di Monterotondo e si può raggiungere in due modi: entrando dall’Arco di San Rocco o passando per via Cavour.
Incorniciata da palazzetti rinascimentali, presenta al centro la fontana “dei Leoni”: questi decorano la fontana e sono posti in corrispondenza dei punti cardinali.
Pochi sanno che questi tuttavia non sono gli originali!

Piazza del popolo (Piazza dei Leoni) (Monterotondo)
Piazza dei Leoni, Monterotondo (RM)


La piazza rientra nella sistemazione urbanistica voluta dai Barberini.
Sappiamo infatti della precedente presenza di una colonna di ordine ionico su leoni di terracotta. La colonna risale al 1845: in questa data il Cardinale Lambruschini ottenne per Monterotondo il titolo di “città” da Papa Gregorio XVI.

Oggi la colonna è nel parco della Passeggiata insieme ad altri elementi importanti (Leggi qui per scoprire quali!).
Nel 1927 questi ultimi sono stati sostituiti da quattro leoni di travertino scolpiti da Romeo Liberati, scultore eretino: sono posti in atteggiamento di riposo; quattro zampilli di acqua fuoriescono dalle loro bocche e cadono ciascuno in una fonte a forma di conchiglia.

Inoltre…
La piazza è molto legata alle vicende della Battaglia di Monterotondo.
In origine infatti si chiamava piazza del Popolo, perché proprio Garibaldi qui parlò al popolo eretino.

Curiosamente anche nella famosa omonima Piazza del Popolo a Roma, sono presenti ai quattro angoli del basamento su cui poggia l’obelisco, 4 leoni a cui corrispondono 4 vasche.

Roma piazza del popolo fontana - Rivista Siti
Particolare, basamento dell’obelisco di Piazza del Popolo (Roma)

Tornando a Monterotondo
Più precisamente Garibaldi comunicò al popolo dalla storica casa Frosi (che dà sulla piazza) dove venne ospitato nel 1867.
A ricordo di quest’episodio abbiamo due epigrafi, una delle quali recita:

Giuseppe Garibaldi, venuto a combattere le armi straniere (…) alloggiò in questa casa dei fratelli Frosi. Da questa parlò parole di libertà alle genti eretine.


Ma… Come si conclude questa battaglia? Perché è tanto legata all’arco di San Rocco (ex porta Garibaldi)?
Leggi il prossimo articolo per saperne di più!



Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci su
IlTerritorio.net

Commenta per primo

Rispondi