Restituiti beni trafugati dall’Archivio Storico e dalla Biblioteca Comunale di Tivoli

Restituiti beni trafugati dall’Archivio Storico e dalla Biblioteca Comunale di Tivoli.

Tivoli, presso la Sede comunale, alla presenza del Sindaco di Tivoli, Dott. Giuseppe Proietti, e del Responsabile dell’Archivio Storico Comunale, Dott. Mario Marinoi Carabinieri del Nucleo per la Tutela del Patrimonio Culturale (TPC) di Roma, hanno restituito due documenti archivistici e un libro antico risalenti alla prima metà del XIX secolo, trafugati in data imprecisata dall’Archivio Storico e dalla Biblioteca di quel centro. 

I beni, costituiti da una lettera al Maire di Tivoli datata 1810, una lettera al gonfaloniere di Tivoli datata 1837 e un volume miscellaneo contenente opere di Stanislao Viola dal titolo “Tivoli nel decennio della deviazione del fiume Aniene” datato 1849, erano stati individuati in vendita su un noto social network e rivestono un elevato interesse culturale per la storia pre-unitaria del Comune di Tivoli.

Le indagini sono state avviate nel mese di ottobre 2021 dai militari del Nucleo TPC di Roma, a seguito di una comunicazione della Soprintendenza Archivistica e Bibliografica del Lazio che segnalava la pubblicazione, su un noto portale divendita online, dei documenti citati certamente provenienti dall’Archivio Storico e dalla Biblioteca del Comune di Tivoli, presumibilmente detenuti illecitamente da privati.

Le successive attività svolte dai Carabinieri TPC, che si sono avvalsi anche della Banca dati dei beni culturali illecitamente sottratti gestita dal Comando TPC, hanno consentito di individuare e recuperare i documenti archivistici presso le abitazioni di privati residenti nelle città di Ladispoli (RM) e di Bagnacavallo (RA), che venivano spontaneamente consegnati in quanto illecitamente detenuti.

Di fondamentale importanza per l’individuazione dei preziosi beni e per l’accertamento della loro appartenenza al patrimonio dei vari enti prima citati, nonché per riconoscerne l’autenticità e il valore culturale, è risultata la sinergica collaborazione con il personale altamente specializzato della Soprintendenza Archivistica e Bibliografica del Lazio e della direzione dell’Archivio Storico Comunale di Tivoli.

La restituzione dei beni archivistici e librari, disposta dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Roma, che ha coordinato tutte le attività di indagine, ha riportato i preziosi documenti alle loro originarie collocazioni, dove potranno tornare a essere oggetto di studio, consultazione e fruizione da parte del pubblico.

IlTerritorio.net

Guidonia. Carnevale a Villalba con gruppi mascherati

Giovedì 16 e Martedì 21 Febbraio, a Villalba di Guidonia, ci sarà il Carnevale guidoniano, con gruppi mascherati a tema libero. Per entrambe le giornate, il raduno è previsto in Piazzale Chiesa Santa Maria del Popolo, dove i gruppi in maschera partiranno con il corteo che sfilerà in tutte le strade cittadine, e concluderà il…

Luoghi poco conosciuti nel Lazio: esplora le meraviglie nascoste

Il Lazio è una regione ricca di storia, cultura e bellezze naturali. Tuttavia, ci sono alcuni luoghi meno conosciuti che meritano di essere esplorati e apprezzati. Questi luoghi poco conosciuti nel Lazio sono veri e propri tesori nascosti, e in questo articolo ti porteremo alla scoperta di alcune di queste meraviglie. Abbiamo già parlato delle…

LA VIA TIBURTINA VALERIA

La consolare Via Tiburtina Valeria (SS n.5) collega Roma a Pescara e, inizialmente, portava a Tibur, Tivoli, di antichissima origine (1215 a.C.). Era un’antica via di transumanza nel territorio degli Equi. Fu poi pavimentata dal console Marco Valerio Potito nel 286 a.C. e allungata fino a Corfinium, nel territorio dei Peligni, per cui la consolare…

Commenta per primo

Rispondi