Grazie Monica

Il saluto alla grande attrice nella sala della protomoteca in Campidoglio

Roma, ore 10, aperta la Camera Ardente per accogliere le tante persone che hanno reso omaggio a Monica Vitti. Davanti alla bara una foto con una immagine che ricorda l’artista in una delle sue espressioni indimenticabili. Tutto intorno rose e mimose gialle e tra i tanti fiori una scritta che recitava: grazie Monica. Sul fondo uno schermo con alcuni spezzoni dei suoi film, sull’altro lato un gagliardetto della squadra di calcio della Lazio ad affermare la sua fede sportiva. Al suo arrivo il feretro è stato accolto dal Sindaco di Roma, Roberto Gualtieri che ha abbracciato il marito dell’attrice Roberto Russo. Subito dopo si è formata una fila di parenti e semplici cittadini. Tra i primi ad arrivare: il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti. Il sindaco Gualtieri, all’uscita dalla camera ardente, ha affermato: “E’ stata una donna di una grandezza unica, le intitoleremo un luogo della nostra città. Sono cresciuto con i suoi film, Roma la piange e la ricorda”.

Trai tanti artisti dello spettacolo arrivati, Citto Maselli e Marisa Laurito: “Abbiamo passato tanti anni insieme, allora io non ero ancora nessuno. Cantavamo, ridevamo, suonavamo… Era una donna speciale umanamente e artisticamente, elegante, di classe, ironica, intelligente e bella, abbiamo perso tanto”.

“Era una donna straordinaria e un’attrice incredibile, rimasta, nonostante gli ultimi anni di assenza, presente nel cuore degli italiani, come lo dimostra la tanta gente arrivata per renderle omaggio. Una grande perdita”, queste le parole del Ministro della Cultura, Dario Franceschini.

Con la famiglia e con il marito si è fermato a lungo Walter Veltroni, È stato l’ex sindaco ad annunciare sui social, su richiesta di Russo, la scomparsa dell’attrice.

Commenta per primo

Rispondi