Collegio docenti nell’anfiteatro di Moricone

per progettare e organizzare la didattica dell'anno scolastico.

Lo splendido scenario dell’Anfiteatro di Moricone, una cittadina facente parte del territorio di Roma Capitale, immersa in un panorama mozzafiato che si affaccia sulla Valle del Tevere, ha ospitato, dopo due anni di pandemia, il primo collegio docenti in presenza e all’aperto della zona. Il collegio è stato richiesto dalla Preside Roberta Moncado che ha avuto l’incarico di reggenza della sede vacante di alcuni istituti scolastici.

Preside, ci spiega del perché di questo incontro all’aperto con i docenti?

“L’idea è nata in un recente collegio,” ci chiarisce la D.S. Moncado che dirige il Liceo Scientifico G. Peano di Monterotondo “qualche collega illuminato l’ha già attuata nel corso di quest’anno. La stanchezza, le restrizioni indotte dal lungo periodo di pandemia hanno lasciato il segno anche sulla psiche e sul fisico di tanti insegnanti. I docenti italiani sono esausti, non abbastanza retribuiti e privati di tante cose, c’è un senso di frustrazione e disillusione, ma anche tanta energia, tanta voglia di fare e di riscoprire i valori del nostro bel lavoro, si vorrebbe volare e respirare a pieni polmoni. Allora ci siamo ripromessi di prendere il tempo necessario e all’aperto.”

“L’idea è stata accolta con favore da tutti i docenti. Così abbiamo deciso di sconfinare scegliendo questo luogo, dove si sono prese importanti decisioni organizzative per il prossimo anno scolastico. Al termine del collegio, ci siamo trattenuti fino al tramonto come avviene alla fine di una festa ben riuscita, dalla quale si fa fatica a lasciare gli amici e andare via.”

E come negare queste sensazioni davanti alla bellezza di un anfiteatro realizzato all’ombra di un castello risalente all’anno Mille, accanto a un palazzo baronale risalente al XII secolo, mentre il sole si fa sempre più del colore delle arance, scomparendo dietro il lontano monte Soratte.

Commenta per primo

Rispondi